Un super eroe in bicicletta al Circolo Polare Artico

ronnie4
Il mondo di Harambee è fatto di incontri, storie e persone speciali. Uno di questi incontri è quello con Ronnie Carrara.
37 anni, bancario, ex calciatore, nonché allenatore di squadre giovanili calcistiche ed ex-presidente della società calcistica di Serina, marito e padre: sono solo alcune delle informazioni che si possono estrapolare dall’incredibile curriculum vitae di Ronnie.
Vogliamo raccontarvi dell’incontro tra l’Associazione Harambee ONLUS e questo “ragazzo di montagna”, come lui ama definirsi.
Nel mese di gennaio Giacomo, amico e sostenitore di Harambee, incontra Ronnie, suo compaesano. Da un incontro inizia una conversazione, da una conversazione nascono racconti che si intrecciano. Ronnie racconta a Giacomo della sua prossima avventura, Giacomo racconta a Ronnie dell’ Associazione Harambee ONLUS.
Ma procediamo con ordine.
Ronnie circa 10 anni fa, grazie all’amico Sergio, si avvicina al mondo della mountainbike. Dopo un’iniziale titubanza scopre una nuova passione che giorno dopo giorno cresce in modo esponenziale fino a portarlo nel 2012 a compiere il Tour del Monte Bianco (250km in 5 giorni, con 10.000 metri Dislivello),nel 2014 il Cammino di Santiago (800km in 11 giorni)e numerose altre incredibili avventure.
Nel 2016 partecipa in Finlandia alla Rovaniemi 150, una gara che si svolge per circa 100km tra bufere di neve e vento, il tempo massimo previsto è di 42 ore. Ronnie porta a termine l’impresa in 34 ore e 14 minuti, qualificandosi al 19mo posto assoluto e al nono posto per le fatbike.
Il 18 febbraio 2017 Ronnie intraprende un’impresa estrema,la Rovaniemi 300, una gara che si svolge al Circolo Polare Artico. 308km da compiere in un tempo massimo di 120 ore in sella ad una mountainbike(fatbike), a piedi o con gli sci in totale autonomia e senza aiuti esterni. I primi 150 km prevedono 8 check point con fuoco, acqua calda e un riparo dove dormire. I successivi 158 km in assoluta e totale autonomia, in cui i partecipanti possono contare solamente sulle proprie energie e risorse, sui propri materiali come sacco a pelo, fornellino, cibo liofilizzato e borracce. Per darvi un’idea delle condizioni, vi basti pensare che per poter bere un po’ d’acqua è necessario sciogliere la neve riscaldandola al fuoco. Le temperature possono raggiungere i -30 gradi C.

ronnie1
Ed è proprio in queste lande polari, famose per essere la patria di Babbo Natale, che Ronnie, in sella alla sua fat bike, inizia la sua grande avventura. Ed è proprio qui che Ronnie porta il nome dell’Associazione Harambee ONLUS, che, in nome della solidarietà, unisce storie, volti, gesti, percorsi di tante persone lontane e vicine che, tenendosi per mano, percorrono insieme il cammino della vita. Per fare del mondo un luogo più bello, un luogo più giusto, per crescere nella pace e nel rispetto dell’ originalità di ciascuno, per una collaborazione interpersonale e fra popoli che intendono riconoscersi originali e costruttori di un mondo umano. A questo punto vi chiederete com’è andata a finire??? 11 partecipanti, temperature oscillanti tre i -10 e i -15 gradi, neve, freddo, dopo 8 ore di gara Ronnie in sella alla sua fat bike alla quale ha applicato l’adesivo di Harambee, ha percorso 80 km e alla mattina del secondo giorno, dopo una notte con sole 4 ore di sonno, è a quota 150 km, in arrivo verso l’intermedio di Rovaniemi. Da lì iniziala seconda parte della gara, quella meno assistita tra piste ghiacciate e problemi con il fornello per scaldare cibo. E dopo un’altra notte, praticamente insonne, dopo aver macinato km, Ronnie giunge al traguardo! Da Serina con furore, Ronnie Carrara, il re delle nevi, il super eroe in bicicletta, in meno di 48 ore si aggiudica il terzo posto!!! Che dire… un grandissimo!!! Grazie Ronnie per averci fatto sognare con questa tua strepitosa impresa e per aver portato anche noi con te!!

I commenti sono chiusi.