Notizie dalla Matumaimi School – agosto

Cari Amici Sostenitori,

da tempo le strutture della nostra scuola avevano bisogno di essere rinnovate, i lavori sono iniziati e verranno completati a tappe.
Quando le ragazze sono ritornate dalle vacanze hanno scoperto che i loro dormitori erano stati ridipinti a nuovo e che avevano riparato e rinnovato i bagni e le toilette.
Il mio amico Daudi ha una gamba sola e usa una stampella per camminare.

matunaimi1.jpg

E’ dotato di grande senso dell’umorismo e di un fantastico sorriso. Quando mi avvicinavo con la macchina fotografica e si accorgeva che era puntata nella sua direzione  Daudi sorrideva e scappava via voltandosi per assicurarsi che io lo stessi inseguendo. Gli altri bambini ridevano perchè io stentavo a  raggiungerlo e facevo fatica a scattare la fotografia. La sua velocità, come quella di molti bambini che hanno protesi o stampelle, è incredibile. Un giorno stavo camminando per la scuola  e l’ho visto seduto a terra con alcuni amici mentre aspettavano di mangiare insieme un piatto di riso. Avevo con me la macchina fotografica e sono riuscita a scattagli una fotografia perché, visto che aspettava la sua razione di riso, non è scappato per non perderla.  Da quel giorno Daudi è impaziente di posare per le fotografie. La maggior parte dei bambini adora farsi fotografare. Daudi è il bimbo  a destra nella fotografia.

matunaimi2.jpg

Oltre ad offrire ai bambini l’unica opportunità di avere un’istruzione, la scuola garantisce le cure mediche necessarie grazie agli ospedali locali e ai tecnici ortopedici e fisioterapisti residenti, Edward e Tillya.
Le stampelle, le scarpe ortopediche, le protesi e le stecche sono fabbricate e adattate nel laboratorio della scuola.
I bambini si sottopongono a visite continue perché i problemi sorgono in relazione alla loro crescita.

matunaimi4.jpg

Amani è l’ultimo dei bambini che hanno subito un’operazione chirurgica. L’intervento serviva a correggere i suoi piedi deformi. Dopo l’intervento è stato ingessato fino al ginocchio ad entrambe le gambe e da poco tempo il gesso è stato rimosso e sostituito con delle stecche. Ora ha delle scarpe nuove e può camminare da solo. Questa fotografia è stata scattata nella sala di fiosioterapia, Amani era molto orgoglioso di potersi guardare allo specchio. Mentre era ingessato stava a casa  per avere il supporto e le cure della madre. Questa settimana dovrà fare un’altra visita all’ospedale, poi, settimana prossima, potrà tornare a scuola e rivedere i suoi amici.

Vi ringrazio per il vostro supporto costante perché ci date modo di prenderci cura dei bambini. E’ un onore per me lavorare per il Sostegno a Distanza in Tanzania e  sono felice di condividere con voi la mia esperienza con i bambini.

Ann Foster, Responsabile del sostegno a distanza.

matunaimi3.jpg 

I commenti sono chiusi.